OfferteWeb.click
BLOCCO ANNUNCI PUBBLICITARI RILEVATO.
Non ti chiediamo di disabilitarlo obbligatoriamente, ma alcune sezioni, come ad esempio la sezione VIAGGI potrebbero non funzionare correttamente.

Ho disattivato il blocco della pubblicità.

Clicca qui se non sai come fare

Il ciclo di Dune - Un mastodontico universo

 

Quando è uscita la notizia che un nuovo film sulla saga di Dune era in lavorazione ho deciso di riprendere la saga di romanzi del compianto Frank Herbert.

Armato quindi della mia bellissima, ma datata, edizione cartacea mi sono messo con calma al lavoro. Quando il film è uscito avevo finito quelli che per me per me erano i 6 romanzi del ciclo (di recente ristampati):

 

 

Qualche anno dopo la morte il figlio di Frank,  Brian Herbert, scoprì che il padre aveva dei piani mastodontici per la saga trovando materiale che utilizza nel tempo per scrivere una quantità industriale di prequel (quanti sono scritti di suo totale pugno?). 
Tempo dopo annuncia di aver trovato in una cassetta di sicurezza segreta altro materiale, fra cui un floppy disk contenente una bozza di 30 pagine dell'ultimo libro della saga, decide di scriverla dividendola in due romanzi (in Italia usciti molto tempo dopo): 

 

 

 

La conclusione della saga

Ho appena finito di leggere l'ottavo e ultimo libro, eccovi una mini recensione senza spoiler degli ultimi due capitoli.

Prima di tutto ce n'era bisogno? Secondo il mio modesto parere sì e no. “La rifondazione di Dune” si chiude si in modo non definitivo ma poteva essere un finale che gioca sull'immaginazione del lettore anche se lasciando molti interrogativi.

Non siamo però davanti ad un seguito che distrugge la saga inventando un finale campato in aria bensì un'opera completa e conforme all'originale, ho avuto l'impressione che finalmente il cerchio si chiuda dando senso ad alcuni punti oscuri (direi che è una buona cosa). 

Quando sono usciti in America (2006) sono state mosse molte critiche allo stile, Herbert padre non andava dritto al punto ma le spiegazioni te le faceva sudare (l'imperatore-dio a suo tempo l'ho odiato perché sembrava che tutto si svolgesse in 15 delle 600 pagine), qui non è sempre così anzi personaggi di per se prolissi tendono a servirti la soluzione in poche tempo. Secondo me non è una brutta cosa se avessero avuto lo stresso stile secondo me sarebbe stato una forzatura, sono sempre stati scritti da un'altra persona.

Chi ha letto la saga originale lo sa, e chi ha visto il film se ne è fatto un idea, l'universo di Dune è variegato e complesso, la mia paura più grande era che andassero persi pezzi importanti della trama e/o snaturate razze, pianeti e soprattutto personaggi (come ha fatto il film degli anni 80 per intendersi) . Questo non avviene anzi tutta sembra filare liscio come l'olio.

Secondo me assolutamente da leggere.